News

Sempre aggiornati sul mercato immobiliare

Imposte: se compri casa devi sapere che…

Quando acquistiamo una casa ci sono delle imposte da pagare: IVA o imposta di registro, l’imposta ipotecaria e l’imposta catastale.
La percentuale da pagare varia in base alle caratteristiche del venditore e dell’acquirente (“prima” o “seconda” casa, privato o impresa costruttrice). L’acquirente può avere agevolazioni anche se l’immobile non è adibito ad abitazione principale.

PRIMA CASA:

le imposte variano in base ai soggetti partecipanti alla compravendita.

  • SE ACQUISTI DA PRIVATO
    Imposta di registro 2 per cento
    Imposta ipotecaria fissa 50 euro
    Imposta catastale fissa 50 euro
  • SE ACQUISTI DA UN’IMPRESA COSTRUTTRICE (O DI RISTRUTTURAZIONE) CON I LAVORI SULL’IMMOBILE COMPLETATI DA MENO DI 5 ANNI
    Iva 4 per cento
    Imposta di registro fissa 200 euro
    Imposta ipotecaria fissa 200 euro
    Imposta catastale fissa 200 euro
  • SE ACQUISTI DA UN’IMPRESA COSTRUTTRICE CHE HA TERMINATO I LAVORI DA PIÙ DI 5 ANNI, OPPURE DA UN’IMPRESA NON COSTRUTTRICE CHE SI OCCUPA SOLTANTO DELLA COMPRAVENDITA DELL’IMMOBILE
    Iva si è esenti (salvo diversa opzione se impresa di costruzione)
    Imposta di registro 2 per cento
    Imposta ipotecaria fissa 50 euro
    Imposta catastale fissa 50 euro

SECONDA CASA

(quando non ci sono i requisiti da parte acquirente per la “prima casa”)

 

  • SE ACQUISTI DA UN PRIVATO, DA UN’IMPRESA NON COSTRUTTRICE, DA UN’IMPRESA COSTRUTTRICE DOPO 5 ANNI DALLA FINE DEI LAVORI
    Imposta di registro 9 per cento (salvo diversa opzione se impresa di costruzione)
    Imposta ipotecaria fissa 50 euro
    Imposta catastale fissa 50 euro
  • SE ACQUISTI DA UN’IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO I 5 ANNI DALLA FINE DEI LAVORI.
    Iva 10 per cento
    Imposta di registro fissa 200 euro
    Imposta ipotecaria fissa 200 euro
    Imposta catastale fissa 200 euro
  • SU QUALE VALORE SI CALCOLANO LE IMPOSTE?
    Se l’acquirente è un privato le imposte di registro, ipotecaria e catastale si possono calcolare sul valore catastale dell’immobile.
    Se, invece, l’acquirente non è un privato oppure se la compravendita riguarda terreni, negozi e uffici, il calcolo delle imposte non tiene conto del valore catastale ma del prezzo dichiarato nell’atto d’acquisto. L’IVA si calcola sempre sul prezzo, MAI sul valore catastale. Le imposte di registro, ipotecaria e catastale si pagano direttamente dal notaio al momento della registrazione dell’atto di compravendita.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>